Stabilizzatore di tensione con lm317

Stabilizzatore317

In questa pagina vediamo come costruirsi un alimentatore stabilizzato usando il circuito integrato LM317.

Il LM317 ha bisogno di sole due resistenze per funzionare come stabilizzatore di tensione, per avere 12V ci vorranno R1 240 ohm e R2 2,2k, la corrente massima erogabile dall’integrato è di circa 1,5A e per funzionare ha bisogno di dissipare almeno 2 o 3V ai suoi capi, questo significa che a 1,5A l’integrato dovrà essere raffreddato su un adeguato dissipatore termico, quindi non conviene usarlo per grosse correnti pena l’elevata dissipazione di calore e quindi anche perdita di efficienza, ricordando che la potenza è W=VxI, se al posto di R2 si mettesse un potenziometro per esempio da 5k si realizzerebbe un generatore di tensione variabile.

Se si volesse realizzare un caricabatteria sarà sufficiente aggiungere un diodo in uscita ed eventualmente limitare la corrente con una resistenza a monte del circuito, l’uso di condensatori normalmente non è richiesto tuttavia se si usano cavi abbastanza lunghi è consigliabile inserirli tra ingresso e massa e uscita e massa da qualche microfarad, esiste anche la versione LM317L in contenitore TO-92 in grado di erogare massimo 100mA, volendo è possibile dotarlo di dissipatore termico ritagliando un pezzo di lamiera di rame con un quadratino sporgente dove andrà fissato con un pezzettino di guaina termorestingente.

Un saluto e alla prossima.

I commenti sono chiusi.