Indicatore livello acqua

Livelloacqua

Con questo circuito si può visualizzare il livello di acqua in un serbatoio, per esempio in un camper.

Il circuito è alimentabile a 3V quindi per esempio con due pile AA (1,2V o 1,5V) e accenderà dei led per visualizzarne il livello.

Il funzionamento si basa in sostanza sulla leggera conducibilità elettrica dell’acqua, si parla di comune acqua di rubinetto, non acqua distillata o demineralizzata. La prima sonda è il +3V ed è messa in fondo al serbatoio, dopodichè io ne ho usate tre ma si possono mettere un numero di sonde a piacere, ognuna superato il proprio livello condurrà una piccola corrente alla base del rispettivo transistor (per esempio bc368 o bc547 o s9014 o simili) sufficiente ad accendere il rispettivo led.

Le sonde da mettere nel serbatoio dovranno essere di acciaio Inox o Oro, si possono per esempio usare delle viti in Inox o delle fascette tagliate a pezzettini o delle linguette di componenti elettronici rivestite d’Oro come i contatti di una batteria o scheda madre o ram o hard disk, una volta collegate con il cavo di Rame bisognerà isolare il Rame o la saldatura di stagno con della colla a caldo in modo che non si ossidi.

Questo è dovuto all’elettrolisi che genera Ossigeno solo alla sonda dei +3V, al – il Rame sarebbe intaccato non tanto dall’Idrogeno ma al continuo bagnarsi e asciugarsi degli elettrodi, essendoci infatti Ossigeno al pelo d’acqua a lungo andare si corroderebbero, formando una patina verde (in caso di Rame) che inquinerebbe anche l’acqua e a lungo andare potrebbe portare al cedimento dell’elettrodo e quindi a far manutenzione.

La corrente consumata dal dispositivo dipenderà dal numero di led accesi, circa 20 o 30mA per led, volendo è possibile diminuirla inserendo una resistenza tra i +3V delle batterie e la sonda dei +3V da qualche centinaio di k in modo da sommarsi alla resistenza dell’acqua e ridurre ulteriormente la corrente di base nei transistor e quindi nei led, se la resistenza in serie è sufficientemente alta oltre a ridurre il consumo dei led si riesce anche a bloccare l’elettrolisi dato che comincia a circa 1,2V.

Per tensioni maggiori di 4V o per acqua a bassissima conducibilità è consigliato usare dei n-mosfet per esempio 2n7000 al posto dei transistor in quanto verrebbero pilotati in tensione e non in corrente e poi una resistenza in serie ad ogni led da trovare con (V-Vled)/Iled, Volt/mA=kOhm, oppure se non avete mosfet potete usare degli operazionali collegati come inseguitori di tensione che pilotano dei led, un saluto e alla prossima.

I commenti sono chiusi.