Dado elettronico

Dado

Con questo circuito si può costruire un dado elettronico per esempio a sei facce, utile durante una sessione di D&D o Risiko o altri giochi.

Il dado funziona così: se si preme il pulsante vengono mescolati tutti i numeri, appena si rilascia il pulsante appare un numero casuale esattamente come se si tirasse un dado. L’amplificatore operazionale per esempio un lm258 o tl072 o 741 è configurato come un oscillatore e dovrebbe generare una frequenza molto elevata per garantire un rapido ed efficace mescolamento, 100k e qualche nF dovrebbero andare bene ma non sono valori critici, al posto dell’operazionale si può usare un cd4047 o un qualsiasi generatore di clock.

Il cd4017 è un contatore decimale ma collegando la settima uscita al reset diventa un contatore a sei cifre, volendo è possibile fare un selettore per cambiare il numero di facce del dado, basta collegare al reset l’uscita 5, per un dado da 4 (d4), l’uscita 4 per un d3 e così via, man mano che si sale con il numero di facce aumenterà anche il numero di diodi e di led usati.

I diodi possono essere dei 1n4148 decisamente più piccoli rispetto ai classici 1n4007, ma qualunque diodo funziona ugualmente, i led sono in tutto sette e sono collegati a coppie di due, in serie, tranne l’ultimo, perchè il cd4017 non è in grado di erogare molta corrente e quindi in altre configurazioni i led sarebbero stati poco visibili, quindi purtroppo la tensione di alimentazione minima è di circa 4,5V. Si possono usare per esempio 4 pile AAA o una piccola lipo a due celle o quant’altro.

La prima uscita piloterà il primo led, la seconda i due led centrali, la terza i tre led centrali, la quarta i quattro led estremi, la quinta i led estremi e il centrale, l’ultima i due led centrali e quelli estremi, durante la pressione del pulsante è facile capire che il dado sta mescolando, perchè ci saranno sette led lampeggianti, è consigliato esclusivamente l’uso di led ad alta luminosità, quelli trasparenti per intenderci e per dare una migliore visibilità da tutte le direzioni è consigliabile sfregarli con della carta vetro stando attenti a non respirare la polvere.

Il led centrale necessita di una resistenza in serie da 1,2k (va bene anche 2k), senza di questa il circuito non funziona, in quanto un solo led, per la corrente, sarebbe la via più breve per andare a massa spegnendo gli altri led, la resistenza limiterà anche la corrente e la distribuirà meglio fra gli altri led collegati alla stessa uscita e da questa resistenza dipenderà l’uniformità dalla luminosità dei led.

Dado1 Dado2

Il circuito consuma qualche mA con tutti i led accesi quindi non ci vogliono grosse batterie, anzi dovrebbe essere più piccolo possibile, un saluto e alla prossima.

I commenti sono chiusi.