Centralina solare termico

Centralina solare termico

Questo è un termostato differenziale o meglio conosciuto come centralina per pannelli solari termici, serve per far partire la pompa di circolazione solamente quando il pannello è qualche grado più caldo dell’accumulo termico o boiler, altrimenti quest’ultimo scambierebbe calore con qualcosa a temperatura minore raffreddandosi (perdendo energia).

Il circuito si basa su un operazionale quale lm 258 ma potete usare quello che preferite, le due sonde NTC possibilmente identiche, di valore attorno ai 50k vanno posizionate una sul pannello solare e una sull’accumulo, queste sonde impongono un riferimento di Valimentazione/2 all’ingresso – del comparatore, solo se entrambe si trovano alla stessa temperatura.

In caso invece di temperature diverse fra le due sonde, si crea uno squilibrio di tensione, se questa tensione riesce a superare negativamente il riferimento imposto al +, ovviamente trimmabile a piacere, (consigliato almeno qualche grado per via delle perdite sul circuito termico), l’operazionale manderà un segnale alto al mos che può essere un 2n7000 o un irf540, dipende dalla corrente da pilotare, che attiverà un relè (con un diodo in antiparallelo per le sovratensioni) e a questo punto partirà la pompa.

Nel caso di pompa a 12V, basterà collegarla direttamente al irf540 fino a 20A, oltre i 20A si può usare l’irf3205.

La resistenza da 1M serve a dare un po’ di isteresi al circuito, con valori molto alti si avranno commutazioni più frequenti (maggior precisione), sarà sufficiente abbassarla per regolazioni meno frequenti.

Una cosa ancora più semplice potrebbe essere un pannello fotovoltaico (leggermente sottodimensionato) collegato direttamente alla pompa.

E’ consigliabile mettere la sonda NTC del boiler più in alto possibile, in modo che la parte bassa si trovi ad una temperatura minore e quindi assorba calore.

Se usate la corrente a 230V è obbligatorio staccarla mentre lavorate, prestando la massima attenzione ai collegamenti, la corrente alternata non va sottovalutata e in caso di errori si può rischiare di rimanerci secchi, lo schema base di un impianto termico è raffigurato qua sotto, un saluto e alla prossima.

Centralina1

I commenti sono chiusi.